RINVIATA LA FATTURAZIONE ELETTRONICA PER I BENZIANI, IN VIGORE DAL 2019

Arriva l’annunciata proroga per la fatturazione elettronica per i benzinai ma con un provvedimento a sé perché il decreto dignità‭, ‬che doveva contenerla‭, ‬slitta‭. ‬Anche se il testo‭ “‬è pronto‭”, ‬come ha ripetuto più volte Luigi Di Maio‭, ‬l’ostacolo resta quello di ottenere la‭ ‘‬bollinatura‭’ ‬delle coperture‭, ‬in particolare per il pacchetto fiscale‭. ‬

Ma‭, ‬ha assicurato il vicepremier‭, ‬il testo vedrà la luce entro pochi giorni‭, “‬la settimana prossima‭, ‬al massimo lunedì o martedì‭”. ‬Intanto è stato approvato un decreto‭ ‘‬a perdere‭’ ‬utile a scongiurare le proteste dei benzinai che altrimenti da domenica avrebbero avuto l’obbligo di rifornire le partite Iva rilasciando la fattura elettronica‭. ‬

La categoria era stata scelta per sperimentare la misura che in ogni caso diventerà obbligatoria anche tra privati a partire dal‭ ‬2019‭. ‬Per altri 6‭ ‬mesi ci sarà quindi un‭ ‘‬doppio binario‭’ ‬e resterà in vita anche la vecchia carta carburante‭, ‬a patto però che‭ ‬i pagamenti dei carburanti avvengano con metodi tracciabili‭. ‬La proroga varrà comunque per i soli impianti di rifornimento su strada e non riguarderà‭, ‬così come auspicato dall’Unione petrolifera‭, ‬tutta la filiera‭. ‬ù

L’Up‭, ‬alla presentazione dell’assemblea annuale ha peraltro ricordato che l’obbligo di fatturazione elettronica nel settore dei‭ ‬carburanti‭ “‬è uno strumento importante per combattere l’illegalità visto che incide proprio sull’evasione dell’Iva‭” ‬e che‭ “‬l’intera operazione consente un recupero Iva di 155‭ ‬milioni di euro per i sei mesi di applicazione del 2018‭ ‬e di 300‭ ‬milioni l’anno a‭ ‬regime‭”.‬

(Visited 12 times, 1 visits today)

Rispondi