GUERRA ALLE FAKE NEWS

Facebook ha effettuato una vera e propria inversione a U nella guerra alle fake news‭. ‬Invece di contrassegnare le bufale con un‭ ‬flag una bandierina rossa‭, ‬ha deciso che mostrerà in basso altri articoli correlati da fonti autorevoli‭, ‬in modo da fornire agli‭ ‬utenti gli strumenti per comprendere meglio la notizia che sta leggendo‭. ‬Steve Tesich‭, ‬l’inventore di quest’espressione‭, ‬denunciava la passività dei lettori davanti alle‭ ‬“verità preconfezionate”‭ ‬dei governi con la complicità e il pressapochismo dei media‭, ‬ma non fa niente‭, ‬ormai connota altro‭, ‬le bufale sono solo quelle‭ ‬su internet e sui social‭, ‬anzi su Facebook‭ (‬che vale almeno il 90%‭ ‬di tutti gli altri canali e si pone proprio in antagonismo con lo stesso www‭).‬

La bufala‭, “‬Migranti pronti a partire dalla Libia‭”: ‬ma è la foto del concerto dei Pink Floyd a Venezia

‭”‬Porto libico‭. ‬Non te le faranno mai vedere queste immagini‭. ‬Sono tutti pronti a salpare in Italia‭”. ‬E‭’ ‬la didascalia che accompagna la foto di un non ben precisato porto sulle coste della Libia‭, ‬colmo di imbarcazioni pronte a partire alla volta dell’Italia‭. ‬Ma la realtà è ben diversa‭. ‬Si tratta infatti di una foto scattata il 15‭ ‬luglio del 1989‭, ‬in occasione dell’indimenticabile concerto dei Pink Floyd a Venezia‭. ‬Al centro dell’immagine si può notare anche l’immenso palco galleggiante sul quale si esibì la‭ ‬band‭. ‬Tutto attorno le imbarcazioni degli spettatori riempiono il bacino di San Marco‭, ‬di fronte all’omonima piazza‭. ‬Il post ha‭ ‬collezionato oltre 9mila condivisioni prima di venire cancellato‭, ‬ma in molti utenti si sono accorti indignati della bufala denunciandola sui social

A cura di Alessandra Del Zotto‭ (‬repubblica.it‭)‬

(Visited 10 times, 1 visits today)

Rispondi